Novità

Sadeq Chubak

Pietra paziente

Dicembre 2021
pp. 287
ISBN 978-88-96908-15-0
€ 16,00
a cura di Giacomo Longhi; introduzione di Ali Dehbashi

 

Shiraz, anni ’30. Gowhar, una ragazza costretta a mantenersi con i matrimoni temporanei, sparisce all’improvviso e il fatiscente caseggiato dove viveva insieme a un assortito gruppo di inquilini precipita nello scompiglio. Il suo figlioletto Kakolzari, abbandonato a se stesso, continua a giocare sul bordo della vasca in mezzo al cortile attirando i rimproveri di Belqis, una popolana esasperata dal marito oppiomane, e cerca rifugio tra le braccia di Ahmad Aqa, un giovane maestro elementare che sogna di diventare scrittore ed è innamorato di Gowhar. Anche Jahansoltan, una vecchia inferma e moribonda, ora non ha più nessuno che si occupi di lei e prega che qualcuno le porti almeno un goccio d’acqua e un tozzo di pane. La trama del romanzo si dipana attraverso la voce di questi personaggi, a cui se ne aggiunge una esterna alla casa, quella di Seif ol-Qalam, un commerciante indiano fanatico e misantropo. In una serie di soliloqui, ciascuno di loro affida i suoi pensieri più nascosti a un’ideale pietra paziente, una roccia magica che, nella mitologia persiana, è capace di assorbire tutte le sofferenze e i dolori di chi le parla finché non esplode.

Pubblicato in Iran nel 1966, Pietra paziente segna una tappa fondamentale del romanzo persiano con la sua struttura multiforme e polifonica che spinge al limite estremo le tecniche del flusso di coscienza e restituisce uno sfaccettato ritratto della condizione umana, in bilico tra gli abissi della solitudine e un istintivo, tenace attaccamento alla vita.

 

Le parole mi rosicchiano da dentro, scalpitano, come un pulcino che becchetta il guscio dell’uovo perché vuole uscire di prigione.